Archivio news

Calendario news

Prev Year Prev Month aprile 2024 Next Year Next Month

News

  • mar 04 2024
    04 mar 2024
    Italia Comunità Digitale Il contrasto alla povertà educativa

    Il digitale può aiutare a contrastare la povertà educativa e l’abbandono scolastico? Quali sono gli strumenti essenziali che le giovani generazioni possono acquisire per non rimanere indietro e cogliere tutte le opportunità della transizione digitale? Su questo tema si confronteranno mercoledì 20 marzo dalle ore 15, ad Abbadia di Fiastra (Mc), i partecipanti all’incontro “Italia comunità digitale. Il contrasto alla povertà educativa”, organizzato dalla Consulta tra le Fondazioni Casse di Risparmio Marchigiane e promosso da Acri - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio con il Fondo per la Repubblica Digitale. 

    Dopo i saluti di: Francesco Sabatucci Frisciotti Stendardi, presidente Fondazione Carima, Dennis Luigi Censi, presidente Consulta tra le Fondazioni Casse di Risparmio Marchigiane, Giovanni Azzone, presidente Acri, interverranno: Rachele Furfaro, presidente di FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli ETS, Massimo Temporelli presidente e cofondatore di The FabLab, Graziano Leoni, rettore Università di Camerino, Luisa Dall’Acqua, coordinatrice Equipe formativa Marche -  Transizione digitale e Innovazione didattica, Diego Mancinelli, presidente COOSS (Opera Società Cooperativa Sociale Onlus), Giovanni Fosti, presidente Fondo per la Repubblica Digitale Impresa sociale. L’incontro sarà moderato da Paola Guarnieri, giornalista di Radio Uno Rai. Interverranno anche Francesco Acquaroli, presidente della Regione Marche e il sen. Guido Castelli, commissario Straordinario Ricostruzione Sisma 2016.

    La partecipazione all’evento è gratuita fino ad esaurimento posti disponibili ed è necessario accreditarsi al link https://www.eventbrite.it/e/biglietti-italia-comunita-digitale-il-contrasto-alla-poverta-educativa-849224893517.
     
    I DATI DI CONTESTO. Partendo dagli asili nido, nelle Marche nel 2020 sono 9.293 i posti offerti nei nidi e nei servizi per la prima infanzia, a fronte di circa 30mila residenti con meno di 3 anni nella regione. Ovvero una copertura del 31%, al di sopra della media nazionale (27,2%) e vicino alla soglia del 33% fissata in sede Ue. Complessivamente, nelle Marche il 51,1% dei comuni offre asili nido o altri servizi per la prima infanzia, a fronte di una media nazionale del 59,3%. La diffusione maggiore nei territori di Ancona, Pesaro-Urbino, con rispettivamente il 72,3% e il 65,4% dei comuni che offre il servizio. L’offerta appare concentrata in un numero minore di comuni nel fermano (30%) e nel maceratese (38,2%). Nelle Marche il tasso di abbandono scolastico nel 2021 si è attestato al 7,9%. Uno dei dati più contenuti tra le regioni italiane, di 4,8 punti inferiore alla media nazionale e anche al di sotto dell’obiettivo del 9% fissato a livello continentale per il 2030. Nonostante un dato positivo sugli abbandoni espliciti, questi non sono l’unico metro della dispersione. Deve essere considerato anche l’abbandono implicito, cioè la quota di studenti che non lasciano precocemente la scuola ma hanno apprendimenti insufficienti. Nei test Invalsi 2020/21, il 29% degli studenti marchigiani di III media si è attestato sui livelli di competenza 1 e 2 in italiano, considerati non adeguati (media nazionale: 39% circa). Tutte le province si attestano attorno 30%, con dati che superano il 33% nel fermano (33,5%) e nel territorio di Ascoli Piceno (33,05%). (Dati: elaborazione Openpolis - Con i Bambini su dati Ministero dell’Istruzione e Istat, giugno 2022). Circa i Neet, cioè quei ragazzi che non lavorano e non seguono nessun percorso formativo, i dati di Eurostat evidenziano che è un fenomeno poco diffuso nella regione: nel 2019 i Neet in questa regione erano l’11,5% dei giovani compresi tra i 15 e i 24 anni. Uno dei dati più bassi tra le regioni italiane.

    “Anche le Fondazioni di origine bancaria delle Marche partecipano all’iniziativa nazionale Fondo per la Repubblica Digitale, promossa da Acri – ha dichiarato Dennis Luigi Censi, presidente Consulta tra le Fondazioni Casse di Risparmio Marchigiane – perché c’è il rischio che le grandi trasformazioni prodotte dalla transizione digitale in atto finiscano per aggravare ulteriormente le disuguaglianze che esistono nel Paese e nella nostra regione. Per questo, siamo tutti impegnati a fare in modo che le nuove grandi opportunità connesse al digitale diventino, invece, accessibili a tutti, a partire dai ragazzi, trasformandosi in occasioni di crescita nel campo dell’istruzione e dell’accesso al mondo del lavoro. L’appuntamento del 20 marzo sarà un’occasione importante per coinvolgere le diverse anime del nostro territorio – pubbliche, private e del Terzo settore – in questa grande iniziativa nazionale”.  

    Per Giovanni Fosti, presidente del Fondo per la Repubblica Digitale Impresa sociale: “Il contrasto alla povertà educativa rappresenta un’azione importantissima per il nostro Paese. Basti pensare che in Italia abbiamo il più alto tasso di Neet all’interno dell’Unione europea: sono più di 3 milioni. Come possiamo aiutare queste persone? Può il digitale aiutarci nel contrasto alla povertà educativa? È importante offrire delle opportunità di formazione di qualità per creare, sviluppare e rafforzare le loro competenze digitali, per facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro e per dare nuove prospettive sia di partecipazione civica che di inclusione sociale e, prima di tutto, di realizzazione personale e professionale”.

    Il Fondo per la Repubblica Digitale è una partnership tra pubblico e privato sociale (Governo e Associazione di Fondazioni e di Casse di risparmio – Acri), che si muove nell’ambito degli obiettivi di digitalizzazione previsti dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e dall’FNC (Fondo Nazionale Complementare). Il Fondo – in via sperimentale per gli anni 2022-2026 – stanzia un totale di 350 milioni di euro ed è alimentato da versamenti effettuati dalle Fondazioni di origine bancaria. Operativo dalla fine del 2022, il Fondo – tramite l’impresa sociale costituita da Acri, che ne è il soggetto attuatore – ha lanciato i 4 primi bandi, attraverso i quali sono stati selezionati e sostenuti oltre 70 percorsi di formazione gratuiti che forniranno le competenze digitali indispensabili, per favorire l’accesso a nuove opportunità lavorative a Neet, donne, disoccupati e inoccupati, lavoratori a rischio disoccupazione causa automazione. Si tratta di un campione significativo per valutare puntualmente l’impatto dei percorsi formativi finanziati – in termini di competenze acquisite e di posti di lavoro creati – affinché le Fondazione possano “consegnarli” al Governo, quali pratiche efficaci per immaginare future politiche nazionali. Per maggiori informazioni fondorepubblicadigitale.it.

    La Consulta tra le Fondazioni delle Casse di Risparmio Marchigiane è un’associazione che riunisce le Fondazioni di origine bancaria che hanno sede nel territorio della regione Marche. Ha l'obiettivo di favorire la realizzazione di iniziative comuni, promuovere lo scambio di informazioni e lo studio di problematiche di comune interesse, coordinare le singole Fondazioni al fine di costituire linee di indirizzo comuni. Alla Consulta partecipano: Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana, Fondazione Cassa di Risparmio di Fano, Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata, Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro.

    L’evento potrà essere seguito anche in diretta streaming collegandosi a:
    https://youtube.com/live/kMFzemkPAFY?feature=share
     

    Pubblicato da
    Redazione Fondazione Carifac

Fondazione Carifac

Corso della Repubblica, 73
60044 Fabriano (AN)
Cod. Fiscale 90004750429

Contatti

Tel. e Fax 0732.251317
E-mail info@fondazionecarifac.it
PEC fondazionecarifac@pec.it

Fondazione con il Sud

Fondazione con i bambini